La Grande Madre 

03.01.2019

La Grande Madre (e anche Grande Dea, o Dea Madre) è la divinità femminile primordiale, che si concretizza in forme molto diverse in una vasta gamma di culture, civiltà e popolazioni di varie aree del mondo. 

Il concetto di Grande Madre, quale creatrice del mondo si esprime sia nel periodo paleolitico, coinvolgendo le civiltà di cacciatori-raccoglitori, sia nel periodo neolitico, interessando civiltà già centrate sull'agricoltura e sull'allevamento degli animali. 

In quanto tale, la Grande Madre si incarna non soltanto in figure di dee concrete, con le loro corrispondenti mitologie, ma anche in una vasta gamma di simboli, che coinvolgono sia il mondo animale che gli oggetti inanimati. La Grande Madre esprime il ciclo di nascita-sviluppo-maturità-declino-morte-rigenerazione che caratterizza sia la vita degli esseri sia il ciclo naturale e cosmico. Il principio femminile è, di conseguenza, un elemento di mediazione fra il mondo umano e quello divino.

Con il termine Grande Madre si intende indicare una divinità femminile a carattere primordiale, nelle quale vengono incarnati degli aspetti fondamentali della vita umana: la fertilità e la generazione della vita, la terra nella sua capacità di produrre cibo ed acqua per il sostentamento. La Grande Madre assume di volta in volta tutti gli aspetti sopra elencati, oppure a volte ne accentua alcuni a discapito di altri, oppure ancora gli stessi aspetti vengono separati e in diverse divinità, rigorosamente di genere femminile.