Editto di Milano

26.02.2020

Riprendendo l'Editto di Galerio, Costantino emise il famoso Editto di Milano nel 313. 

In questo editto sono fissati due tratti tipici della nuova religione:

  1. la presunzione di infallibilità, che legittima la distinzione fra "ortodossi" ed "eretici" nella Chiesa, come sinonimo di verità e chi, allontanandosi da essa, cade nell'errore.
  2. l'intolleranza che prefigura già dal 325 il futuro istituto dell'inquisizione, perfino nel tipo di sanzioni (es. rogo dei libri, messa a morte degli eretici).

Soprattutto si stabilisce un intreccio fra Chiesa e Stato, fra potere spirituale e temporale, reso anche fisicamente dal ruolo dell'imperatore come presidente del concilio, che distanzia la Chiesa Cattolica dal Cristianesimo delle origini, spirituale e avversato dall'impero. 

paoladiberti.webnode.it
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis!